Diari di una Giocatrice di Ruolo #6 -Il Livello Superiore-

Nei nostri MercoleD&D (come già avrò sicuramente scritto in altri post) l’interpretazione vale molto più di un buon tiro di dado.

Ci sono gruppi di gioco dove i dadi sono tutto e l’interpretazione è assente o marginale. Contano solo le caratteristiche che sono scritte sulla scheda di gioco, le regole e quello che un personaggio può fare con esse.

Nel mio/nostro caso siamo una felice via di mezzo dove ci sono momenti i dadi sono fondamentali e altri dove facciamo sessioni intere senza prenderne in mano neanche uno.

Dipende dallo stile di gioco che piace e sceglie il gruppo, non c’è un modo giusto o sbagliato di giocare a D&D sotto questi aspetti.

Nella mia città quest’anno sono venute fuori delle iniziative interessanti e a tutt’oggi si possono trovare, negozi o centri giovanili, dove vengono messe a disposizione stanze, tavoli e sedie per i giocatori, che siano di giochi da tavolo o di ruolo, il tutto ovviamente gratuitamente.

Chi ha letto i post precedenti si ricorderà che io con il mio gruppo abbiamo in affitto una stanza tutta nostra dove ci riuniamo a giocare. Verrebbe da chiedersi perché andare a spendere soldi in un affitto quando ci sono dei posti gratuiti dove poter andare a giocare?

La risposta per me è semplice e si rifà a quello che ho scritto sopra.

Dipende tutto da a che tipo di gioco uno decide di giocare.

Il mio gruppo non potrebbe andare in una stanza affollata a un tavolo e giocare al meglio nella confusione degli altri giocatori. Questo non perché siamo noi spocchiosi, ma perché abbiamo deciso di giocare Seriamente.

Questo ci porta a avere un giorno fisso alla settimana dedicato alla serata di gioco, a farci le schede per conto nostro non utilizzando quelle convenzionali, a migliorare il gioco con regole nostre interne e in fine ad avere una stanza tutta nostra dove ritrovarci.

Inizialmente eravamo un gruppo nomade come tanti altri, che di settimana in settimana passava dalla casa di uno dei giocatori all’altra, permettendoci così di giocare in un posto dove non ci fossero altri a fare casino così da rendere al meglio l’atmosfera di un dungeon isolato con gocciolii lontani o di una battaglia campale (ovviamente con l’ausilio dello stereo).

Fino a quando un bel giorno nel dicembre del 2011 abbiamo messo piede nella nostra “stanza privata”. L’affitto era vantaggioso e facendo un po’ di conti rinunciando a un’uscita in pizzeria a testa potevamo permettercela.

Abbiamo costruito un tavolone grande per entrarci tutti comodamente con le nostre carabattole, abbiamo dipinto le pareti spugnandole di ocra così da renderla confortevole, abbiamo dipinto un cielo sul soffitto, comprato delle poltrone per ognuno di noi e sostituito il piano rialzato al centro, dove si effettuavano gli scontri con miniature e altro, con una televisione. Insomma l’abbiamo resa la nostra personale Stanza Gioco.

Avere un posto tutto nostro, dove ritrovarci nel mondo che oramai ci vede protagonisti da più di venti anni è qualcosa di magico.

Fino a gennaio di quest’anno, quando per motivi tecnici ci hanno detto che dopo sei mesi (alla fine di Luglio) dovevamo lasciare la nostra stanza gioco.

Dopo averla tanto desiderata dovevamo fare i bagagli e andarcene, rimbiancare le pareti, smontare il tavolo e tutto il resto, Ci siamo subito mossi per cercare un nuovo posto altrettanto valido per noi, ma i mesi passavano e non trovavamo niente che facesse al caso nostro. Eravamo quasi rassegnati e sconfortati a tornare a fare i nomadi a casa dei giocatori, si sa quando dalla comodità si deve tornare indietro è sempre difficile. Fare un trasloco, dover ammassare alcuni mobili nel garage di qualcuno, insomma stava diventando un incubo.

Fino a quando siamo venuti a sapere che nello stabile dove eravamo l’appartamento sopra il nostro, adibito a uffici, aveva delle stanze vuote. Siamo corsi a visionare le stanze e il relativo prezzo e alla fine, ci siamo accordati per una di esse.

Nell’ultimo anno cercando di perfezionarci on game tra noi giocatori avevamo detto molto volte che le “avventure” stavano diventando ardue e dovevamo imparare a giocare a un Livello Superiore” bhe ora ci stavamo LETTERALMENTE trasferendo a Giocare a un Livello Superiore!!

a_set_of_aluminium_stairs_by_bewildermouseDopo delle difficoltà iniziali abbiamo iniziato a lavorare alla Nuova Stanza Gioco. Una miriade di idee ci è venuta in mente e avendo anche lo stacco estivo dalla nostra abbiamo deciso di abbellirla con minuziosità che non avevamo avuto il tempo di fare nell’altra.

A tutt’oggi stiamo facendo le sessioni a casa di uno dei giocatori per finire di montare e di fare i mobili. Ma questa stanza sta diventando davvero la stanza di nostri sogni, è un po’ più grande di quella vecchia, motivo per qui abbiamo deciso di ampliare ulteriormente il tavolo e aggiungere qualche mobile.

Avere un posto decorato e arredato in tema per noi è un vantaggio fantastico che ci catapulta con il solo entrarci sul nostro mondo immaginario, aiuta a calarci nel personaggio diventa quel rifugio magico che solo te e i tuoi compagni potete condividere a pieno.

Ancora non è finita completamente, e visto che forse faremo un bel video con tutti i passaggi delle decorazione e il resto metto qua di seguito solo una piccola chicca di quello che è il nostro Nuovo Antro.

12023091_10207583424453087_1278220251_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: