I Suoi Occhi

Un incontro casuale , tanto casuale.

io e Lui.

Non proprio un incontro vero e proprio, più una casualità.

Sono turbata, inquieta, è solo un ragazzino, un bambino.

Non so esattamente l’età, ma se fossi rimasta incinta molto giovane, sono sicura che potrebbe essere mio figlio.

C’è qualcosa, una strana sensazione che mi percorre la spina dorsale fino alla base del collo e arriva alla mia bocca stirandola in un sorriso.

Cosa mi sta succedendo?

Certo non sono una di quelle donne che perdono la testa senza motivo… Eppure questo ragazzo, questo bambino mi smuove qualcosa nello stomaco.

è così che si sentono le persone attratte dai bambini? Ma cosa sto pensando! Quello che sento è diverso, non so cosa sia o come chiamarlo ma è diverso!

Con la coda degli occhi lo seguo, seguo i suoi passi, i suoi gesti, cercando di capire cosa mi succede.

Mi blocco.

Il mio viso contratto si distende…

Capisco tutto, capisco tutto guardando quel ragazzino, quel bambino… Ha i suoi occhi.

Respiro forte, socchiudo gli occhi sorridendo…  Ha i suoi occhi.

Il ragazzo si gira, mi guarda, ed ecco il brivido che riparte dalla base della schiena, lo guardo fissandolo.

Ha i suoi occhi

Non è lui, non è da questo ragazzino che sono attratta e solo… e solo che ha i suoi occhi.

Il colore, Si , il colore è esattamente il suo, né più chiaro né più scuro, esattamente la stessa gradazione.

Ecco perché tutte queste farfalle nello stomaco, non sono impazzita, non sono malata, ha solo i suoi occhi.

Occhi da cui non mi staccherei mai, occhi in cui mi perderei volentieri, occhi che vorrei vedere la mattina ancor prima dei raggi del sole e che vorrei vedere per ultimi la sera prima delle ombre.

Ora che ho capito guardandolo mi sembra che anche la forma, il taglio sia simile.

Mi colgo di nascosto a spiarlo. Gioco a cambiare i suoi lineamenti con i tuoi e piano piano la mia fantasia ti vede chiaro, delineato perfettamente, accanto a me, al posto suo.

Più rubo attimi e sguardi a quello sconosciuto, più mi sembra di trovare somiglianze.

I capelli, si,anche i capelli sono simili, nel taglio e nel colore, anche se prima non ci avevo fotto caso.

Distolgo lo sguardo e mi chiedo se alla sua età eri simile a lui.

Il ragazzo, il bambino mi rivolge la parola, io, non potendone fare a meno, gli rispondo fissandolo, perdendomi nei suoi occhi, nei tuoi occhi. Ora non c’è imbarazzo, ora riesco a godermi quel colore così perfetto, così tuo.

Non riesco a togliermi il sorriso dalla bocca.

Strana situazione, ma alla fine piacevole… Non vedo quegli occhi da tempo e anche se non lo dirò mai ad alta voce, mi mancano.

Forse qualcuno oggi ha voluto mandarmi i tuoi occhi a farmi sorridere, almeno a me piace pensarlo.

Sono lontana da casa, sono lontana dai tuoi occhi ma come ho sentito dire da qualche parte Siamo sotto lo stesso cielo  e mi piace pensarlo alzando gli occhi e guardandolo.

Occhi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: