Il Teatro del sale

Grazie Giulia!

Ho già parlato di Giulia Mazzoni in un altra occasione QUA  e ancora oggi mi trovo a dirle Grazie!

Ieri sera Giulia ha suonato al Teatro del sale a Firenze, non lo conoscevo come posto e tanto meno ne sospettavo l’esistenza.

Mi sento in dovere di ringraziare Giulia perché oltre ad avermi regalato tantissime Emozioni con la sua musica, mi ha fatto conoscere un posto davvero fantastico, ed è per questo che scrivo oggi. Di lei ho già parlato e sicuramente avrò occasione di parlarne ancora in futuro ed oggi mi volevo un attimo soffermare su questo Teatro del sale. Non credevo che esistessero ancora posti del genere, dove la cultura del buon cibo viene usata per far avvicinare le persone ad altri tipi di “cultura” dagli spettacoli teatrali ai concerti e ancora tantissime iniziative che stò scoprendo tutt’ora.

Dal nome mi aspettavo un teatro in piena regola, con i posti numerati e tutto il resto, ma subito dall’entrata c’era qualcosa che mi suggeriva l’unicità del posto.

Aperta la porta di ingresso un profumino che mi ha risvegliato la fame mi è subito arrivato al naso. Per non  parlare del regolamento da leggere obbligatoriamente prima di compilare il foglio per fare la tessera, suggerisco a tutti quelli che si troveranno a farla di leggerle tutte, anche se è una paginetta di regole meritano davvero attenzione, non si tratta delle solite regole dei soliti club, sono sicura che le apprezzerete!

All’entrata ci si trova in un ambiente tipo retrobottega di un alimentari, con vasetti di ogni tipo esposti, un posto molto caloroso e familiare. Entrati nella sala principale ci si trova la cucina sulla destra che si affaccia sulla sala da finestroni che permettono di vedere i cuochi al lavoro, la potete vedere nella foto in basso. Una delle finestre è aperta e ogni qual volta un piatto nuovo viene sfornato il cuoco vi si affaccia e a gran voce descrive il piatto e invita le persone in sala ad avvicinarsi. Le porzioni e i piatti vengono dati dai cuochi stessi e si può bissare senza limiti. Vicino alla finestra si trova un tavolo con diversi piatti già pronti. Avvicinandoti a questo piccolo buffet si può trovare una o più gentili cameriere che vi porgerà direttamente il piatto desiderato descrivendotene il contenuto se necessario. I piatti certo sono particolari e ricercati e io ora non mi addentro a descriverveli perché sono ignorante in materia e non voglio dire baggianate.

Dal lato opposto all’entrata della sala c’e il palco dove, nella serata di ieri, vi era posizionato il piano per Giulia. La cena avviene tra le sette e mezza e le nove circa compreso di dolce e caffè. Prima dello spettacolo il Sing. Francesco ci ha presentato il giornale mensile che viene prodotto da loro dal titolo l’Ambasciata, cliccate QUA  per vedere di che si tratta!

Altra piccola cosa degna di nota, a mio parere, è stato quando ci hanno invitato a spegnere il telefono per non disturbare durante lo spettacolo e sopratutto di togliere eventuali sveglie impostate, visto che per quanto riguarda le eventuali chiamate ci hanno pensato direttamente loro con un dispositivo che chiude come in una bolla la sala e quindi dall’inizio alla fine dello spettacolo il segnale al telefono non arriva direttamente.

Bhe spero almeno di aver creato un pochino di curiosità in voi. Perché mi rendo conto che rendere l’aria del Teatro del Sale non è impresa facile. Per quanto mi riguarda sono davvero stata stupita e felice di respirare “aria di cultura” per una sera, in tutti i sensi.

Ringrazio ulteriormente il Sig. Francesco che dopo lo spettacolo ci ha raccontato tanto sui protagonisti e i fondatori del teatro stesso, che tanto si sono impegnati per creare un posto di ritrovo di un certo tipo, dal famoso Chef Fabio Picchi alla bravissima attrice Maria Cassi      “… ma questa è un’altra storia…” Come disse saggiamente Michael Ende.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: